la guida

Il gusto della rinuncia

Spazi si incontrano nell’animo formando nuove certezze, nuove esperienze, sicurezze forti come magie…fragili come un nulla……donano la sensazione di salire sulle cime più elevate della conoscenza…lasciandoci scoprire la fragilità di ogni nostro pensiero, gesto, azione….è nell’incontro tra noi e il nostro ego che si creano i fantasmi della falsa verità…le illusioni effimere dell’essere.
E allora posso girarmi a osservare questo IO …sintesi dell’anima …la parte nobile che passa da incarnazione a incarnazione…chiedendomi chi sono ? Cosa sono ? Perché sono ?
Cercando risposte così essenziali mi distacco dal “quì e ora”…per entrare nel “sempre”…..spazio dilatato di esperienze passate e future, dove il presente manifesta solo il momento, provo a osservare questo mio corpo astrale….ah…quante battaglie sono state combattute in questo spazio, quante entità dominanti sono dovute passare sotto l’azione della “mente etica” attraverso la VOLONTA’, che è forza di conversione cosciente, per essere viste -riconosciute, purificate fino a diventare innocue, anzi amiche…affinché non producessero più danno.
Anni, anni per trovare la bellezza di questo corpo astrale sede delle nostre emozioni, istinti, brame, senza dubbio lo specchio del purgatorio in terra…e quanto si svela la luce e la forza possente dell’infinito, quando riesci a ripulirlo.
Anche questo però non porta alla reale soluzione degli enigmi dell’anima umana……così ci possiamo girare ad osservare questo corpo eterico…per alcuni è aurea o forza vitale, da “ere” in cui era più staccato dal corpo fisico, lasciandoci una visione sui mondi spirituali più vivida e reale per tutti, si è man mano unito al fisico…e più si univa più perdeva la visione spirituale entrando nel materialismo….Qualcuno potrebbe storcere il naso, ma ….quale dono questa caduta nella materia !!!
E’ lì che abbiamo trovato l’IO SONO…ed ora con questo eterico dobbiamo tornare a riconoscere lo spirito da uomini liberi….solo uno sguardo limpido può accostarsi a spazi così profondi con l’emozione…e…questa è chiave di conversione…..quando riusciamo a portare il corpo astrale purificato in relazione con l’eterico riconosciuto, nasce la visione etica, il sè superiore si sviluppa ed entriamo in una nuova dimensione di percezione.
Anni anni di attenzione….illusori sono i risultati effimeri che non sedimentano nei vari corpi ..fisico-eterico-astrale-io-nel quale il mentale è attento ago della percezione, della comprensione,ed è strumento inevitabile della VOLONTA’ che è libertà nell’azione etica universale.
Ed eccoci alla parola RINUNCIA…perché il cammino evolutivo dell’essere prevede meravigliosamente che, raggiunta l’illusione della forza, del potere, della capacità, dell’io sono, si rinunci a tutto questo…si abbandoni ogni attaccamento derivante dal proprio se, dal controllo di se e degli altri, si rinunci a esistere idealmente per poter vivere nell’essenza dello spirito della vita….( conosciuta è la crisi che colpisce i santi, quando durante il loro cammino, credono di aver raggiunto la divinità e il senso, crollano nella più assoluta lacerazione interiore, dispersi, sentono di essere stati abbandonati da Dio e dalla fede…)…. ogni vita condotta senza aver raggiunto questo traguardo è una vita distorta dal proprio “io sono”…e arriviamo così alla parola “non IO ma LUI in ME”.

E qui si gioca il più subdolo degli elementi…quello che utilizza questa frase per indicare a noi stessi che NOI siamo canali…..sciogliendoci da responsabilità e lavori interiori……credo piuttosto che saggiamente entità sublimi alle quali sarebbe troppo lungo dare ora un nome, creino le condizioni necessarie affinché l’interezza di un uomo possa accogliere entità di luce…come è successo con Cristo, sublime entità preparata da generazioni per arrivare a quell’unica incarnazione…per quell’unico evento della morte…come dono all’umanità.
perché potesse accadere, l’intera coscienza andava elevata in tutti i suoi corpi, perché potesse poi pronunciare parole di affidamento al Padre…affidamento fino alla morte…qui è stata pronunciata la massima RINUNCIA.
Concludo….pensando che la Rinuncia il Silenzio l’umiltà l’amore la Solitudine la Fede il saper fare un Passo Indietro per permettere un’osservazione libera dal sè impuro, siano strade nobili di crescita spirituale, siano porte che aperte spalancano la chiara visione, al di là del modo, raggiungono l’obbiettivo di toccare e trasformare in profondità il nostro io.
potrebbero risuonare:Guai a colui che pensa di essere Dio o che vede Dio negli altri…perché IO distruggerò gli idoli e li caccerò dal tempio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...