Senza categoria

Esperienza personale. Senza respiro.

Condivido con voi questa esperienza personale, un esperienza dal grandissimo valore interiore, alla quale bisogna avvicinarsi preparati e che non può certo essere intrappresa in modo superficiale, questo lo anticipo perchè a volte sfidare i propri limiti senza esserne preparati, può portare non solo a non ottenere i risultati sperati, ma, anche a rischiare conseguenze più fastidiose, vi invito quindi a valutare con la vostra coscienza e a evitare l’utilizzo di questa tecnica senza adeguata preparazione.

Vengo al dunque: avevo la necessità di entrare profondamente in me, in realtà, stavo cercando risposte, riguardo alla mia nascita….un percorso costellativo mi aveva già fatto intuire dove potevo trovare eventuali nodi della mia vita, ma, differente è viverli intensamente. Decido quindi di affidarmi a mani sapienti, mani in grado di accompagnare il mio corpo in un intenso rilassamento, lento e progressivo, capace di rilassare anche la mente. Abituato da esperienze precedenti, ho portato il corpo in uno stato tale da essere percepito come morto, a peso morto, contemporaneamente ho rallentato la mente fino ad arrivare in uno spazio quasi vuoto, quasi privo di pensiero, dico quasi perchè l’intento di regredire nel tempo e andare a scovare gli accadimenti della nascita, era sempre presente e permetteva all’energia di incanalarsi in quella direzione….E’ a questo punto che ho iniziato la tecnica alla quale mi riferivo all’inizio, cioè, per amplificare la potenza di quella meditazione, dovevo trovare il modo di svincolarmi dal corpo il più possibile…per farlo, ho scelto di espirare l’aria dai polmoni e restare in apnea in assenza di aria. per quasi un quarto d’ora, la mente si è ribellata a questa idea, poi, con calma, ecco che le pause in assenza di respiro e di aria, diventavare sempre più lunghe, la mia interiorità che istintivamente vigilava sulla vita, si stupiva di quanto tempo riusciva a stare in quello stato.

Ecco che appaiono chiare esperienze di quando ero nella pancia di mia madre, non immagini, ma, sensazioni, chiare sensazioni del tipo di serenità che c’era intorno a me, ho rivissuto il giorno della nascita e sentivo la preoccupazione di mia madre ma anche il suo amore, sentivo distante mio padre e percepivo chiaramente se ero voluto oppure no, già da questo avrei potuto interrompere, ma, ecco nascere una nuova sfida, sono arrivato fino a qui, perchè non vedere cosa succedeva prima che mi incarnassi? Ho continuato per altro tempo, sempre accompagnato con estrema maestria da chi aveva il compito di sentire d’overo e di tenermi collegato alla terra, le pause erano lunghe come quando facciamo un bel respiro per immergerci sott’acqua, ma senza aria….all’improvviso una sensazione interiore di benessere, di beatitudine completa, un tunnel scuro con una luce sul fondo, conosco questo spazio e penso che al di là di quel tunnel, siamo al di là del velo, quindi nel mondo spirituale, continuo e sento che stò volando velocissimo all’interno di quel buco nero, la luce si avvicina sempre più grande e forte, mi sento terribilmente bene, quasi non riesco più a dirmi se mi interessa tornare indietro…arrivato al limitare, dove mi sembrava quasi di vedere sagome dall’altra parte, un moto di paura mi ha bloccato e mi ha fatto respirare ancora. Ringrazio questa splendida esperienza che ho sintetizzato, ringrazio chi mi ha accompagnato e vi lascio con questo pensiero….quando ci avviciniamo alla morte e lasciamo i mali del corpo, accade proprio questo, siamo accolti da un tale amore e da una tale presenza beata dall’altro lato del velo, che la morte non spaventa più. La morte in realtà, NON ESISTE.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...