Senza categoria

L’amore che toglie.

È strano pensare all’amore come fosse un processo distruttivo, tutti sappiamo quanto gli impulsi che partono da un amore “malsano”, sfocino in drammatiche emozioni e conseguenze.

La gelosia, la bramosia, il possesso, la proiezione delle proprie “storture” dell’animo,  agiscono potentemente, condizionano ogni possibilita di equilibrio.

Vi è un meccanismo altrettanto potente e subdolo, possiamo chiamarlo “l’amore che toglie” o “l’amore che soffoca”….le persone che utilizzano l’amore in questo modo, facilmente sono convinte di essere sagge e buone, si avvolgono nel mantello della bontà e della comprensione, si dicono: “se sarò buono con gli altri, gli altri mi ameranno”, facilmente queste persone hanno avuto una famiglia restrittiva, un ambiente compresso e pieno di ordini sul “cosa non si deve fare” ordini subiti come carenza affettiva…..ecco che si tramutato in angeli per compiacere.

Ma cosa accade alle loro relazioni? Facilmente avranno moltissime possibilità di relazione, grazie al loro fascino, relazioni che molto probabilmente finiranno in modo netto, senza preavvisi,  senza parole di spiegazione, lasciando la persona nel vuoto totale.

Accade che il loro estremo amore, la loro fedeltà, l’intelligenza con cui spiegano i problemi “dell’altro”, invece di portarli verso la libertà di essere se stessi, li porteranno verso una gabbia dorata nella quale ci sono due giocatori, l’amore e il senso di colpa.

I compagni o le compagne di queste persone, si sentiranno terribilmente in colpa all’idea  di volersi liberare da questa catena e arriveranno allo sfinimento poiché “come posso fare del male a chi mi ama”?….

Ecco che non daranno spiegazioni, troppo doloroso, semplicemente spariranno con un taglio il più netto possibile. L’amore può essere una drammatica catena anche nel caso delle così dette persone  “buone”.

Il processo di liberazione che le persone di questo tipo devono compiere è lungo e doloroso, se imparano a veicolare questo amore in modo sano e non partendo dalle loro carenze, facilmente incontreranno l’amore che libera, se si ascolta la loro fragilità, appare netto e ben distinto l’urlo della loro paura interiore nel trovarsi soli/e. Se questo tipo di persona si accorge di queste dinamiche, può passare da un amore egoistico ad un amore liberatorio, il passaggio è nello spostare l’attenzione da sè e nel valutare l’origine del vero amore…origine divina che riempie il loro animo e scioglie la paura. In altri casi, lavori su di sè aiuteranno a renderne evidenti i meccanismi e, un passettino alla volta potranno affrontare la sfida di riconoscersi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...